Rapporto sullo stato dell'editoria in Italia 2015

Con il 2014 siamo al quinto anno consecutivo di segno meno: la ripresa non arriva, viene data solo e ancora come imminente. La crisi è diventata un fatto ordinario con cui editori, librerie e distributori si trovano quotidianamente a fare i conti. Ma la crisi è anche una grande spinta modificatrice, che ha cambiato e sta cambiando i processi e i flussi produttivi, le strategie comunicative e la gestione della logistica distributiva alla ricerca di una maggiore efficienza. «Crisi» non sarà sinonimo di qualcosa che fatichiamo a immaginare? Crisi dell’editoria o del lettore? Queste sono le domande che guidano il Rapporto sullo stato dell’editoria in Italia 2015, l’anno in cui la «decrescita» potrebbe finalmente raggiungere lo zero.

Il Rapporto sullo stato dell’editoria in Italia 2015 è disponibile in e-book sulle principali piattaforme e in formato cartaceo scrivendo a segreteria@aie.it.

Per maggiori informazioni sulle modalità di acquisto dell'e-book clicca l'Isbn-a che trovi qui sotto, comparirà l'elenco degli store in cui è possibile effettuare l'acquisto.

di G. Peresson ©AIE/Ediser 2015
Numero Quaderno
38
ISBN
9788889637968