Come finirà questo 2022. Un anno che speravamo normale
Produzione, Mercato, Libri a stampa, Ebook, Audiolibri, Varia adulti, Varia ragazzi, Librerie, GDO, E-commerce
Dicembre 2022
Il 2022 dell’editoria italiana di varia (romanzi e saggi a stampa venduti nelle librerie fisiche e online e nei supermercati) si prevede chiuda in lieve calo rispetto al 2021, con una flessione compresa tra l’1,1% e l’1,8% per un valore delle vendite a prezzo di copertina compreso tra il miliardo e 676 milioni e il miliardo e 687 milioni.
Nei primi undici mesi il valore del mercato (venduto a prezzo di copertina) è stato pari a 1,268 miliardi, in calo del 2,3% rispetto al 2021 ma in crescita del 12,9% rispetto al 2019 pre-pandemia. Le copie vendute sono state 86,8 milioni, in calo del 2% rispetto al 2021 e in crescita del 14,5% rispetto al 2019. La quota di mercato di varia degli editori sotto i 25 milioni di venduto a prezzo di copertina continua a crescere ed è nel 2021 pari al 45,2% contro il 44,3% dell’anno precedente e il 42,6% del 2019. In controtendenza rispetto alla media del mercato, nei primi undici mesi dell’anno le vendite nelle librerie fisiche sono cresciute dell’1,3% fino a 674,8 milioni. L’online flette invece del 5,3% a 532,9 milioni, la grande distribuzione del 12,7% a 60,7 milioni.
La previsione a cura dell’Ufficio studi AIE, sulla base dei dati Nielsen BookScan dei primi undici mesi, è stata presentata a Più libri più liberi – Fiera nazionale della piccola e media editoria.